Home / Interviste / Luca Civa e la RIO Football Manager

Luca Civa e la RIO Football Manager

Perché partecipi alla RIO?

Partecipo alla RIO per legare la grande passione per i colori della mia città, Mantova, e la passione per i videogiochi manageriali radicata nel lontano PC Calcio 7 e continuata, di anno in anno, attraverso tutti i capitoli di Football Manager. Amo, inoltre, la cura in ogni singolo giocatore presente in Football Manager e trovare un gruppo come quello della RIO e potervi partecipare attivamente è ed è stato, per me, motivo di grande orgoglio.

Da quanto tempo fai parte della Ricerca Italiana?

Partecipo dal 2014, anno in cui entrai come ricercatore per il Mantova. Il primo anno, per me, fu piuttosto travagliato, visto che non entrai subito nell’ottica della ricerca, ma già dall’anno dopo, grazie all’immenso aiuto dei “veterani” l’esperienza migliorò di molto, tanto che, adesso, ogni mia estate è caratterizzata, oltre che dal sole e dal caldo, anche dalla ricerca per Football Manager.

Qual è il tuo compito?

Durante l’ultima ricerca estiva il mio compito è stato quello di caposquadra del Mantova e caposerie per Arzachena, Fermana, Gavorrano, Mestre e Ravenna. Il compito del caposquadra è quello di redigere una propria valutazione, attraverso l’opportuno Editor, di ogni singolo giocatore e membro dello staff della propria squadra, nonché della struttura societaria. Successivamente ogni caposquadra ha il compito di accogliere e discutere i consigli ed i pareri che arrivano dai singoli ricercatori della squadra o da ricercatori esterni alla squadra con l’obiettivo di avere una visione completa ed il più possibile aderente alla realtà per ogni singolo giocatore.

Il compito del Caposerie è, sostanzialmente, un ruolo di controllo del lavoro che mi viene inviato da ogni singolo caposquadra in cui il mio compito è quello di verificare e garantire che non siano presenti “anomalie” nel lavoro svolto. Nel caso in cui riscontrassi qualche anomalia il mio compito è quello di segnalarlo al singolo caposquadra e discuterne i possibili aggiustamenti.

Come viene schedato un giocatore?

Innanzitutto ogni giocatore viene schedato attraverso l’apposito editor. Nella prima scheda vengono definiti i “connotati” del giocatore, quindi, nome e cognome, data e luogo di nascita, nazionalità, lingua parlata, altezza, peso, colore della pelle e, se si conoscono, le date di esordio nel calcio professionistico ed in nazionale. Nella seconda scheda vengono definiti i termini del contratto del giocatore, come lo stipendio. La scheda successiva riguarda lo stato del giocatore, quindi se è in prestito, se è infortunato o squalificato. Nella quarta scheda vengono definite le preferenze, quindi squadra e staff preferiti e non. La quinta scheda riguarda le caratteristiche mentali come l’adattabilità, la determinazione, la lealtà, etc.

Nella settima scheda vengono definiti i valori di abilità del giocatore, con i parametri della CA (Current Ability) e della PA (Potential Ability) con valori che vanno da 0 a 200, ma che vanno inquadrati nella CA media di squadra, inoltre vengono qui definiti i ruoli che può ricoprire il giocatore con valori da 0 a 20. Vengono, inoltre, definiti i valori di Home Reputation (reputazione nella nazione in cui è nato), Current Reputation (reputazione nella nazione in cui sta lavorando) e World Reputation (reputazione generale nel mondo). Nell’ottava scheda vengono definiti i valori, da 0 a 20, delle singole abilità, che sono 15 per il comparto tecnico, 16 per quello mentale e 9 per quello fisico.

Il numero delle abilità da editare è maggiore di quello presente in gioco, ma la valutazione complessiva deriva anche dai valori non mostrati. Per i portieri sono disponibili ulteriori 11 caselle specifiche da compilare che si sommano alle due che definiscono il piede “forte” e quello “debole”. Ogni valore assume peso specifico diverso in base al ruolo che ricopre il giocatore (ad esempio un valore alto in finalizzazione è più importante per una punta che per un difensore) e va a definire il valore, espresso dall’editor, dell’RCA che deve combaciare con il valore di CA espresso precedentemente. La nona scheda prevede l’inserimento di giocate specifiche e caratterizzanti di ogni singolo giocatore (ad esempio: muoversi negli spazi).

La decima scheda mostra la storia calcistica del giocatore, con presenze, goal, etc. La dodicesima scheda prevede, invece, l’inserimento dei premi e dei risultati raggiunti (ad esempio: promozione/retrocessione) dal giocatore con la squadra attuale e precedenti. È presente, inoltre, un’ultima scheda di controllo che aiuta il ricercatore a controllare che tutti i dati siano stati inseriti.

Un saluto ai Beta Tester ed a tutta la Ricerca Italiana di Football Manager!

About Giangioman

Napoli, 26 anni.
Una passione immensa per i giochi manageriali\gestionali.
Beta Tester e Ricercatore di Football Manager, Admin del gruppo Facebook dedicato a Football Manager.
Collaboratore di Panoz.

Vedi anche

I Segreti della RIO Football Manager – Yuri Dell’Atti

Da quanto partecipi alla RIO? Sono entrato a far parte di RIO quest’anno, ma e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *